NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

image1 image2 image3
logo

"Aggressività" nel Cane


 

Con questo termine: "Aggressività" si intende un istinto naturale del cane che, in condizioni normali , è sottoposto alla conservazione della propria incolumità e della specie. 

Per questi motivi può essere una risposta corretta ad una situazione in cui il cane si trovi in pericolo, ed è parte integrante delle sue caratteristiche comportamentali.

Per questo l'aggressività nel cane non è un "difetto", ma è parte del suo bagaglio genetico comportamentale, e diviene un problema comportamentale quando questa risposta è scorretta in rapporto al contesto .

Attualmente l'aggressività è il "disturbo" comportamentale più comune e il più pericoloso .

Diviene importante, per il Professionista dell'educazione/addestramento, riconoscere quale tipologia di "aggressività" abbiamo davanti osservando il cane e in riferimento alle notizie che il proprietario può dare, per poter impostare una corretta metodologia di lavoro. 

Esistono diversi tipi di "aggressività" con forme diverse per cause e scopi, che vado ad elencare alcune importanti:

 

AGGRESSIVITA' MATERNA:

Nelle femmine, in natura, questo tipo di aggressività è sviluppato per lo scopo di difendere la propria prole da qualsiasi pericolo .

Può manifestarsi durante la gravidanza o la "pseudogravidanza", in prossimità del parto e/o post parto.

Le cagne fanno la guardia alla prole (o pelusce/giocattolo) anche da distanze molto lunghe, e se messe sotto pressione con insistenza possono ringhiare oppure arrivare a mordere se si arriva a toccare e/o sottrarre un cucciolo.

Solitamente questa situazione termina poco prima del 60° giorno di vita dei cuccioli.

Questa forma di "aggressività" è una componente normale dell'istinto materno, per cui non patologica.

 

AGGRESSIVITA' PREDATORIA:

Questa forma è la naturale tendenza dei "carnivori" a procacciare il cibo , quando questa tendenza avviene verso piccoli animali (gatti,ecc..), persone o cose, il predatorio diventa un problema.

Possono essere individuate due tipologie di soggetti: i cani che inseguono puntando la preda concludendo con l'uccisione e quelli che danno la caccia ad oggetti in movimento (biciclette, tagliaerba ecc..) .

Solitamente, i cani con aggressività predatoria non danno segnali preliminari di avvertimento, e distingue questa forma di aggressività dalle altre in cui è frequente la minaccia (ringhio preliminare).

Spesso bambini piccoli in movimento, vengono identificati come prede dal cane .

Il trattamento di questa forma patologica è sicuramente difficoltoso e richiede tempo e l'intervento di un serio Professionista.

 

AGGRESIVITA' INDOTTA (Paura):

La forma di questo tipo di aggressività viene manifestata in situazioni dove il cane, se ne avesse la possibilità, fuggirebbe.

Il cane, in generale, tende ad evitare le situazioni pericolose e di cui hanno timore, e solitamente scappano dal problema, generalmente indietreggiando e ringhiando fino ad attaccare e mordere quando non hanno più via di fuga.

Studi e osservazioni, hanno portato alla conclusione che le esperienze vissute e l'età sono fattori determinanti rapportati alle varie manifestazioni dell'aggressività.

 

AGGRESSIVITA' TERRITORIALE e PROTETTIVA:

Questa forma di aggressività, ha lo scopo di difendere lo spazio e il cane tende a reagire, abbaiando e ringhiando agli estranei che minacciano di voler entrare nel proprio territorio di competenza.

Ovviamente può diventare un problema nel momento in cui il cane attacca tutti e senza distinzione da amici e estranei.

L'aggressività protettiva è invece diretta alla protezione della persona fisica, generalmente il proprietario oppure il nucleo famigliare.

 

AGGRESSIVITA' INDOTTA(Dolore):

Un cane che riceve uno stimolo doloroso possiede la naturale predisposizione a rivoltarsi e mordere per istinto di autodifesa, è normale questo atteggiamento ma se la forma aggressiva persiste dopo la scomparsa dello stimolo doloroso allora questa forma diventa un problema.

 

AGGRESSIVITA' RIDIRETTA:

Questa è l'aggressività che un cane mostra verso un suo simile (altro cane) o persona, che non potendo raggiungere il soggetto che ha scatenato la reazione (postino o altro dietro una recinzione) e sfoga la propria aggressività verso l'individuo a lui più vicino (in certi casi anche il proprietario).

Innanzitutto è necessario in questi casi di evitare di toccare o infastidire il cane quando mostra aggressività.

 

AGGRESSIVITA' IDIOPATICA:

Comportamento aggressivo non riconducibile a cause normali, il soggetto che mostra questa forma di aggressività morde improvvisamente e senza motivazione con attacchi violenti e inaspettati, questa è una grave forma di aggressività, riconducibile e influenzata da diversi fattori quali: patrimonio genetico, l'età, il sesso e precedenti apprendimenti ed esperienze.

   

Roberto Mannu - Allevamento con Affisso F.C.I.-E.N.C.I. & Iscritto al Registro Addestratori E.N.C.I. Sez.1 Cani da Utilità.

2017  Allevamento "Di Albascura" - Regione Chiappini 225 - 15078 Rocca Grimalda (Al) - Tel. +39 347/5760185 - E.mail: dialbascura@libero.it - P.I. 01888250063 - Created by Davide Bressi