NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

image1 image2 image3
logo

L'OLFATTO DEL CANE

 

 

La catalogazione memorica delle cose e degli eventi del cane ,essendo l'olfatto il suo senso d'elezione,è un'archivio di immagini legate ad un distinguo di odori che ingenerano in lui emozioni.

Per comprendere meglio le capacità olfattive del cane e le caratteristiche di fiuto finalizzate alla ricerca ,è corretto analizzare la fisiologia del suo naso . 

Il profilo superiore del muso è determinato dalla canna nasale ,alla cui estremità si trova il tartufo,voluminoso e con narici ben aperte per facilitare l'inspirazione dell'aria. Il tartufo umido e freddo renderà la mucosa ed i cornetti nasali umidi creando le migliori condizioni per la trasmissione nervosa dell'odore.

Il profilo nasale e gli assi cranio-facciali sono elementi di interesse zoognostico che influenzano in ogni razza un diverso atteggiamento di ricerca degli effluvi odorosi da parte del cane.

Grande importanza ha la proporzione della testa  , non è un semplice fattore estetico,ma un'elemento molto importante per le facoltà olfattive. Un cranio ampio ,contiene una più grande quantità di massa celebrale a vantaggio delle capacità dell'odorato essendo la sede olfattiva anche nella massa celebrale.

Il cane "pensa" con il naso,dalla traccia odorosa può distinguere un animale sano da uno malato e/o ferito,da uno tranquillo allo spaventato e idem verso l'uomo .

Molti i fattori che influenzano le possibilità di stimolo delle particelle del naso del cane,per esempio: le condizioni atmosferiche e del suolo,lo stato di salute ,la fatica e l'età..

Grande rilevanza deve essere attribuita all'azione del vento, durante una fase di ricerca ,nell'intercettazione degli odori , il vento trascina le traccie odorose verso il cane favorendolo oppure danneggiandolo allontanandole da esso. 

Inoltre affretta l'evaporazione e quindi la diminuzione o scomparsa degli odori.

I venti caldi e/o freddi influiscono anche sulla buona condizione delle pareti del naso,possono incidere negativamente nella ricerca degli effluvi odorosi. 

Due sono le distinzioni da fare sul modo di impiegare il senso dell'olfatto da parte del cane: TELEOLFATTO: sporgere il naso al vento alla ricerca delle emanazioni odorose con inspirazioni profonde per selezionare grandi quantità d'aria . L'atteggiamento di ricerca è dinamico caratterizzato da cambi repentini. MEGAOLFATTO: naso a terra nella ricerca delle emanazioni odorose ,le loro inspirazioni sono brevi ed affrettate , non avendo bisogno di grandi quantità d'aria per selezionare le particelle lasciate dal terreno. La ricerca è lenta e continua ,seguendo una traccia sul terreno.

2017  Allevamento "Di Albascura" - Regione Chiappini 225 - 15078 Rocca Grimalda (Al) - Tel. +39 347/5760185 - E.mail: dialbascura@libero.it - P.I. 01888250063 - Created by Davide Bressi